Profilo

 

 

Appassionato di attività creative fin dall’età dell’adolescenza. Dal 1992 rivolge l’attenzione alla lavorazione del vetro, dapprima con la semplice pittura su vetro (collaborazione con svariate distillerie del Basso Sarca per decorazione di bottiglie pregiate in vetro soffiato e cristallo, nonché personalizzate per eventi o edizioni limitate), successivamente con tecniche più complesse.Dal 1994 inizio di lavorazione del vetro con rilegatura a piombo e realizzazione di lampade in stile Tiffany, su richiesta di privati e vetrerie.Dal 2005 inizio di vetrofusione, con uso preferenziale del vetro di Murano. Per approfondire la tecnica, frequenta anche alcuni corsi individuali presso il laboratorio artistico Eta Beta di Joan Crois a Bologna. Nel corso di questi anni intraprende anche la lavorazione del mosaico (metodo diretto ed indiretto) influenzato prevalentemente dalla Scuola di Spilimbergo. Con questo tipo di tecnica realizza svariati mosaici su richiesta di privati, tra cui il logo della Scuola professionale ENAIP di Arco (80 x 80 cm), realizzato pressoché completamente con pietra naturale.Dal 2005 inizio della lavorazione dell’argilla: inizialmente come supporto al vetro, e successivamente sviluppata separatamente, anche in questo con corsi specifici a Sorano (GR) presso il laboratorio Pandora, Bologna e Faenza (prof. Cimatti).Da agosto 2012 (dopo cessazione dell’attività autonoma) prosecuzione della lavorazione del vetro e dell’argilla (tutte le tecniche) presso laboratorio privato “percorso argilla”, con gruppo di ceramisti appassionati. Nel 2014 partecipa a svariati corsi di decorazione, preparazione degli smalti e delle terre sigillate presso l’azienda Ceramiche Vicentine dando inizio ad una collaborazione con il laboratorio Percorso Argilla, nell’inverno del 2014 partecipa ad un corso intensivo e personalizzato della lavorazione a lume del vetro di Murano,presso il laboratorio dell’artista Elena Rosso Murano (VE). Durante il 2015 sperimenta svariate tecniche di cottura primitiva e si avvicina al mondo delle terre decantate (comunemente conosciute come terre sigillate) partecipa ad un breve corso di pittura vascolare greca durante l’evento Ceramica sotto il Pavaglione Lugo (RA) tenuto dal laboratorio Ceramiche  Calandrini. Nel 2016  decide di frequentare il laboratorio Ceramiche Calandrini partecipando a svariati corsi specifici organizzati da Mondo Ceramica Deruta, di  foggiatura, decorazione e cottura  della ceramica Greca, Corinzia,Villanoviana ed Etrusca in  particolare il bucchero. Nel 2017 ritorna nel laboratorio Calandrini per delle lezioni individuali di approfondimento della tecnica di foggiatura al tornio. Tra il 2016 ed il 2017 sperimenta le tecniche Obvara, Saggar e la lavorazione cosiddetta a pelle d’elefante.